Utilizziamo i cookies per personalizzare la sua navigazione e migliorare il nostro website. Per avere ulteriori informazioni su cosa sono i cookies, come vengono da noi utilizzati e come negare il suo consenso all'utilizzo di tutti o alcuni di essi, consulti la nostra Nota sui Cookies.
Se accede ad un qualunque elemento sottostante a questo banner acconsente all’uso dei cookies.




Migliorare le conoscenze degli studenti in campo scientifico e tecnologico per far crescere l’innovazione in Europa

  • La finale dell’edizione 2016-2017 del programma Sci-Tech Challenge, organizzato da JA Europe e dal Gruppo ExxonMobil, si è tenuta a Bruxelles il 10 maggio 2017. Il tema su cui si sono sfidati gli studenti quest’anno è stato quello della mobilità a basse emissioni.
  • Tra i tre migliori team – quello belga, quello francese e quello italiano – selezionati quest’anno per sfidarsi nell’evento finale, ad aggiudicarsi la vittoria è stato quello degli studenti francesi premiato nel corso della cerimonia tenutasi presso la Biblioteca Solvay.
  • Il team della Francia ha presentato un progetto basato su un approccio altamente innovativo per ridurre le emissioni di CO2 dal settore del trasporto stradale attraverso lo sviluppo di un veicolo – denominato l’Auto Normanna (the Norman Car) – più leggero rispetto a quelli attuali, per ottimizzare i consumi di carburante, e in grado di stoccare e comprimere la CO2 emessa dal veicolo stesso.
  • Ottimo risultato per il team italiano del Liceo Scientifico Alessandro Antonelli di Novara che si è aggiudicato il secondo posto ricevendo le congratulazioni della Giuria.

Bruxelles, 10 maggio 2017 -  Anno dopo anno, con l’iniziativa Sci-Tech Challenge, JA Europe e il Gruppo ExxonMobil cercano di ispirare i giovani a intraprendere studi e percorsi professionali nell’area STEM (acronimo inglese di Science, Technology, Engineering and Mathematics).

Il programma – sviluppato in Italia dalla JA Italia in collaborazione con la Esso Italiana ela partecipazione della Raffineria SARPOM di Trecate – si fonda su diversi elementi e offre opportunità di formazione e di mentoring nonché la possibilità di partecipare a una sfida europea che incoraggia gli studenti a utilizzare e sviluppare le proprie capacità in campo scientifico e tecnologico. Obiettivo di Sci-Tech Challenge è anche quello di contribuire a sviluppare una forza lavoro qualificata, pronta a guidare l'innovazione e la crescita in Europa.

Caroline Jenner, CEO di JA Europe, ha ribadito il significato di tali programmi, affermando che "Un numero crescente di posti di lavoro richiede oggi competenze di tipo STEM, anche in posizioni non tecnologiche perché le aziende sono ormai sempre più digitali. La Commissione Europea sta finalizzando l'Agenda delle nuove competenze per l'Europa, sottolineando la necessità di maggiori competenze STEM e di tipo trasversale. Il programma Sci-Tech Challenge è parte della risposta, perché avvicina gli studenti alla scienza, alla matematica e all'ingegneria”.

Nel corso della European Online Challenge, svoltasi il 21 marzo scorso, gli studenti dei 7 paesi partecipanti al programma (Belgio, Francia, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito e Romania) sono stati invitati a trovare soluzioni innovative per ridurre le emissioni di gas a effetto serra derivanti dalle autovetture. La Giuria – composta da Nikolaas Baeckelmans, Vicepresidente European Union Affairs della ExxonMobil; Francesca Stevens, Direttore Government Affairs and Business Development di Arconic;Antoine Feral, Vicepresidente European Union Affairs di Rolls-Royce;Christian Egenhofer, Associate Senior Research Fellow & Director of Energy Climate House del Centre for European Policy Studies; e Giulia Catini, Responsabile dell'ufficio European Union di CNH Industrial Institutional Relations – ha scelto i tre progetti migliori e invitato i relativi team (del Belgio, della Francia e dell’Italia) a presentare le proprie proposte a Bruxelles nell’ambito del Gran Finale del programma.

Ad aggiudicarsi la vittoria è stato il team degli studenti francesi, premiato nel corso di una cerimonia tenutasi a Bruxelles presso la Biblioteca Solvay. Scelto sulla fase di una combinazione di fattori che includono lo spirito di team, l’imprenditorialità e le conoscenze scientifiche evidenziate, il team ha presentato una proposta innovativa per ottimizzare le dimensioni e il peso dell’auto insieme a una soluzione per stoccare la CO2. Il progetto prevede anche che l’anidride carbonica venga poi periodicamente raccolta presso le stazioni di servizio e utilizzata in specifici impianti nella produzione di alghe per biocarburanti.

Uno dei componenti della squadra vincitrice, Youri Hamon, ha così commentato: "Ad oggi, questa è stata l’esperienza più incredibile della mia vita. Grazie al programma Sci-Tech Challenge il nostro team ha imparato tantissime cose. E’ incredibile realizzare che si possono raggiungere questi risultati alla nostra età. Abbiamo imparato a lavorare in team, a sviluppare le nostre competenze scientifiche, a lavorare in modo diverso rispetto a quello che siamo soliti fare a scuola. E partecipare alla European Challenge ci ha dato l’opportunità di conoscere studenti di altri paesi europei che condividono le nostre stesse passioni. Non ci sono parole sufficienti per ringraziare i nostri insegnanti per tutto questo".

Attraverso la partecipazione attiva al programma da parte dei dipendenti delle proprie affiliate, ExxonMobil aiuta gli studenti a capire quanto siano importanti le competenze nell’area STEM per una serie di professioni interessanti che contribuiranno a stimolare l'innovazione e lo sviluppo tecnologico in Europa. Nikolaas Baeckelmans, Vicepresidente European Union Affairs della ExxonMobil, ha affermato: "Quest'anno la sfida del programma Sci-Tech Challenge si è incentrata su una tematica importante, la mobilità a basse emissioni. La gamma di soluzioni innovative sviluppate dagli studenti di diverse nazioni europee dimostra che il pensiero creativo delle prossime generazioni sarà importante per soddisfare le sfide energetiche del nostro continente”.

………………………………………………………………………………………………………………………………………

Sci-Tech Challenge

Il programma Sci-Tech Challenge si pone l’obiettivo di incoraggiare gli studenti di età compresa tra i 15 ei 18 anni a prendere in considerazione percorsi formativi e professionali orientati alla scienza, alla tecnologia, all’ingegneria e alla matematica (STEM), così come quello di sensibilizzare all'importanza delle competenze in questi campi e a come esse possano essere applicate in maniera efficace per affrontare le sfide di domani.

Sci-Tech Challenge si svolge attualmente in sette paesi europei. Ogni anno scolastico offre a quasi 5.250 giovani delle scuole secondarie l'opportunità di partecipare al programma. L’iniziativa coinvolge anche più di 100 dipendenti del Gruppo ExxonMobil che vi prendono parte come volontari e 180 insegnanti.